Interviste

Filippo Galli ex campione del Milan ai microfoni di Teen Social Radio

today12 Luglio 2023 86 1

Sfondo
share close

Ai microfoni di Teen Social Radio, durante il Camp 2023, è arrivato anche Filippo Galli ex allenatore di calcio, dirigente sportivo ed ex calciatore italiano,  responsabile dell’area metodologica del Parma.

Giocava da difensore centrale, in coppia con il grande Franco Baresi.
Giusto per..

Con il Milan, in tredici stagioni, ha segnato 4 gol (3 in campionato ed 1 in Coppa Italia) e vinto cinque campionati (1987-1988, 1991-1992, 1992-1993, 1993-1994 e 1995-1996), tre Coppe dei Campioni (1988-1989, 1989-1990 e 1993-1994), due Coppe Intercontinentali, tre Supercoppe europee, quattro Supercoppe italiane.

Angelo ha avuto l’onore di scambiare due chiacchiere con lui
Da calciatore a calciatore 😛

Quale è stata la partita più difficile che hai mai giocato?

Ne ho giocate tante difficili, a quei tempi c’erano i migliori stranieri che venivano a giocare in Italia, c’era Maradona, Platini, Zico , giocatori straordinari, e giocare contro di loro non era mai facile.

Se devo ricordare una partita difficile, è stata la sconfitta in Coppa Italia, che tra l’altro non sono mai riuscito a vincere, con il Milan ovviamente nella partita di ritorno della finale a San Siro contro la Juve.
Abbiamo pareggiato a Torino, e poi abbiamo perso in casa per uno a zero.

L’attaccante più difficile  che hai mai marcato?

Maradona a parte, lui è il numero uno, ci sono stati giocatori come Altobelli dell’Inter, Pruzzo della Roma. Attaccanti di qualità ce ne erano davvero tantissimi. C’era Paolo Rossi, ho avuto la fortuna di giocare anche con lui. L’ho incontrato all’inizio quando lui era nel pieno della sua carriera ed è stato difficilissimo da marcare.

A che età hai iniziato a giocare a calcio?

Ho iniziato molto presto, avevo 7 anni. Giocando negli spazi aperti. Si giocava nelle strade, nei cortili. Ma nelle squadre organizzate, quelle che oggi sono le scuole calcio ho cominciato intorno ai 12 anni.
Prima ho fatto tre anni di ginnastica artistica…

Sogno nel cassetto di molti ragazzi è diventare un giocatore professionista. Se polessi darci un consiglio, ma non il classico ‘credeteci’… 

Io ho cominciato a giocare a calcio non con l’idea di diventare un giocatore professionista,  di arrivare in seriaA, ma di dare sempre il meglio di me stesso. E non è una frase fatta. Il mio impegno, il mio obiettivo è sempre stato quello. Al Milan sono arrivato tardi, avevo quasi 17 anni. Quindi come vedete si puo’ arrivare a giocare nei professionisti un po’ più tardi, sempre dando il meglio.
Dopo di che non è detto che anche dando il meglio si possa arrivare a giocare nei professionisti…questo deve essere chiaro.

Tra il tuo calcio e quello di oggi cosa è cambiato?

Oggi è sicuramente un calcio più di transizione. E’ più veloce più intenso che forse va a scapito un po’ della precisione, degli aspetti tecnici.  Io dico che per giocare a calcio si debba essere degli atleti, indiscutibilmente. Ma credo anche che ci siano altre cose: la comprensione degli spazi, dei tempi, la comprensione del gioco del calcio. Quello dovremmo pensare di più soprattutto nel settore giovanile.

Come è iniziata la tua carriera?

Io ho giocato nella squadra del mio paese, in Oratorio, poi sono arrivato nella prima squadra del Villasanta, avevo sedici anni. E’ li che mi hanno visto gli osservatori del Milan e ho fatto il primo provino con loro. Mi dissero che ero andato bene, ma ero ‘vecchio’. Poi mi hanno richiamato dopo due mesi , ho fatto un torneo, ho fatto gol e poi tutti i tasselli sono andati nel posto giusto.

Filippo Galli ha un blog dove.condivide il suo percorso non solo come giocatore, ma anche e soprattutto il post calcio giocato.  La complessità del calcio – Filippo Galli.Seguitelo se siete appassionati di calcio e se volete capire qualche cosa di più di questo fantastico mondo.

Scritto da: Redazione

Rate it

Articolo precedente

Summer Camp

Angelo e Montra co-conduttori del Caminetto’s Go Talent 2023

Chi non muore si rivede! E anche per questo 2023, Angelo Cattivelli e Matteo Montrasio sono stati i co-conduttori del talent dedicato ai ragazzi ospiti dell'Experience Summer Camp. Sono tantissimi i ragazzi che si sono alternati sul palco, uno più bravo dell'altro. Tutti con grande talento. Ma è toccato alla giuria scegliere il migliore. Angelo e Montra hanno accompagnato i giovani talenti sul palco presentandoli al pubblico. Beh, dobbiamo ammettere […]

today12 Luglio 2023 130 1

Commenti post (0)

Rispondi


0%